martedì 24 marzo 2015


             § LA STIRPE DEI RIBELLI §


Buongiorno a tutti , oggi recensione fresca fresca di un libro finito ieri che è il secondo volume de"La saga dei tre regni" , sono usciti il primo ed il secondo volume : il primo è "la caduta dei tre regni" il secondo è "la stirpe dei ribelli" dovrebbero uscire , non so quando , il terzo ed il quarto volume.

 TRAMA 

Proseguono le avventure dei nostri eroi. La principessa Cleo è nelle mani dei nemico ed è costretta a sposare Magnus, la piccola Lucia è in preda ad un lungo sonno e non si sa se si risveglia, Jonas vuole vendicarsi della morte di suo fratello ma anche del re Gaius che nel frattempo vuole trovare i Catalizzatori per impossessarsi dell' elementia. 


PERSONAGGI 

Ritroviamo gli stessi personaggi che sono presenti nel capitolo precedente solo che adesso facciamo la conoscenza con i ribelli , i compagni di Jonas incontriamo infatti Lysandra che è una giovane combattente determinata, che non ha paura di nulla,il suo villaggio è stato distrutto e vuole vendicarsi del Re del Sangue ( Re Gaius), l'amico di Jonas ,Brion che sarà fedele al suo comandante fino alla fine . 
La principessa Cleonia rimane una deficiente come lo era nel primo volume. Non fa assolutamente nulla per uscire dalla situazione in cui si trova, quando sta per uscirne, come una cretina , ritorna nella sua prigionia dorata, l'unico piano che organizza alla fine va in malora .Il suo comportamento al inizio era giustificabile , ragazza per bene che vive in un castello , viziata ecc..ma dopo tutto quello che ha passato non può continuare ad avere gli stessi atteggiamenti che aveva in precedenza; ci doveva essere a mio avviso un cambiamento , doveva essere la molla che scattava in lei facendola cambiare . Invece no. Peggiora. 
Questo tipo di protagonisti non si rendono simpatici agli occhi del lettore ed è un vero peccato perchè , a mio parere , il personaggio principale deve avere un'evoluzione durante la storia e non rimanere con le stesse caratteristiche che avevi al inizio, non è un personaggio che cresce.

CONSIDERAZIONI 

-In questo romanzo si vede molto l'influenza di Martin : un regno al Nord ricoperto di ghiaccio , uno a Sud soleggiato , i capitoli dedicati ad ogni singolo protagonista , alcuni a mio avviso inutili perchè sono personaggi secondari.
-rispetto al primo volume abbiamo un leggero passo in avanti ma il libro non mi ha entusiasmato per essere un fantasy 
-Jonas manca totalmente di pathos , seppur mi piaccia come personaggio l'ho trovato piatto , incapace quasi di agire 
-Alcune morti sono ridicoli e atte solamente a togliere di mezzo dei personaggi secondari che non hanno un ruolo cardine nella narrazione e quindi facciamoli morire.Il tutto poteva essere risolto non dedicando dei capitoli a questi personaggi e accennandoli solamente. Non condivido questa scelta perché meno o male ai personaggi ci si affeziona e vedere un personaggio che muore così in maniera stupida fa a volte rabbia. 
-Come fantasy non mi ha entusiasmato , ci sono tante pecche linguistiche, tanti passaggi che dovrebbero essere approfonditi ma non lo sono, manca totalmente di descrizioni sia dei luoghi dove i personaggi si muovono sia nelle ambientazioni esterne. Alcune situazioni si risolvono tutte in poco tempo com'era accaduto per il volume precedente; non è che pretendessi una descrizione dei minimi particolari ma non viene data neanche la giusta importanza, è tutto molto frettoloso. 
-I personaggi sono molto schematizzati , hanno veramente poco spessore e non hanno a volte consapevolezza di quello che fanno , questo tutti o , come nel caso della principessa Cleo non si evolvono e per essere un fantasy è un vero peccato .

VOTO 


La storia è bella ma per essere un fantasy non entusiasma affatto.


LIBRO IN LETTURA : SHADOWHUNTERS -CITTÀ' DI OSSA

lunedì 23 marzo 2015


CINQUANTA SFUMATURE DI NERO 

Buongiorno a tutti e buon Lunedì. Oggi vi parlo del libro più chiacchierato degli ultimi 2/3 anni credo. Chi l'ha osannato chi invece lo ha aspramente criticato, chi ha detto che il film è pessimo chi invece ha detto che il film è bello ; di cosa sto parlando? Delle "Cinquanta Sfumature di grigio" che è il primo volume e delle "cinquanta sfumature di nero" che è il secondo e poi c'è anche un terzo volume "Cinquanta sfumature di rosso".


 Penso che un po tutti sanno di cosa parla questa trilogia o per sentito dire oppure per curiosità oppure per sfinimento da parte di compagne varie. Il libro sostanzialmente parla della nostra cara Ana Steel che incontra Christian Grey, un uomo che a 27 anni guadagna qualcosa come 100.000 dollari al ora, altissimo , bellissimo, pulitissimo che però ha un passato di abusi da parte di una certa Mrs Robinson e che tratta le donne come se fossero loro schiave. I due s'incontrano , lei rimane folgorata manco avesse visto la madonna , lui è interessato a lei perchè la vede molto sottomessa e tra di due nasce una storia e il signor Grey ,dopo averle presentato un contratto in piena regola , le mostra la stanza dei giochi dove c'è praticamente di tutto ovvero oggetti per la pratica del sadomasochismo.Lei prima è spaventata poi cede e poi lo molla , il tutto contornato da una valanga di mail che i due si scrivono per non parlare dei loro amplessi che sono veramente al limite di qualsivoglia decenza.

Il secondo libro è uguale al primo , stessa noia , stesse parti oscene, il tutto per circa metà libro solo che la nostra cara casalinga di .. boh non so dove abiti, ha deciso di inserirci un qualcosa se no veramente la gente o dormiva o scaraventava il libro dal balcone. Cosa ci ha messo dentro? Una tizia psicopatica , psicolabile, ex sottomessa che prende di mira la povera Ana e arriva anche ad imbrattare la macchina di vernice. 

Ma a parte questa piccola parentesi , continua ad essere una noia mortale e i tratti dello stalker del nostro Christian si fanno sempre più accentuati; prima compra tutti i ritratti della nostra cara Ana , in una mostra del caro amico Josè che ricordiamo sbava per Anastasia dai tempi del asilo e poi non contento compra la casa editrice dove la bella sta lavorando perché crede che il suo datore di lavoro ci provi con lei. 

In tutto questo pot pourri di scemenze si palesa la misteriosa figura di Mrs Robinson che lavora in nel salone del Signor Grey dove porta tutte le sue sottomesse che , ricordiamo , ha violentato il nostro Grey. Tra le due c'è un battibecco e la nostra cara Ana gli dice molto gentilmente di stare al posto suo.
Per non parlare del immancabile Taylor, l'uomo robot sempre disponibile , sempre pronto , che fa da autista , guardi del corpo , un factotum in pratica e pare non solo non avere una vita propria ma pare non dormire mai.E anche su di lui il nostro miliardario avrà delle riserve.

Libro a mio avviso puerile, i protagonisti non hanno spessore , a volte ripetitivo in quanto le situazioni si ripetono sempre, situazioni al limite di tutto, offensivo nei confronti anche delle donne a mio avviso.

Se facciamo un rapporto tra il libro e il film , il secondo è peggio 

VOTO 
NON POTEVA ESSERE DIVERSAMENTE 

libro in lettura : la stirpe dei ribelli- Morgan Rothers.

martedì 17 marzo 2015



WILL TI PRESENTO WILL- JOHN GREEN E DAVID LEVITHAN 

Buon pomeriggio a tutti oggi voglio presentarvi un libro che ho finito di leggere da poco.Scritto a 4 mani da John Green e da David Livinghton. Ero abbastanza titubante su questo libro se consideriamo che "Colpa delle stelle " non mi ha fatto impazzire per nulla quindi ero partito prevenuto però mi ha sorpreso positivamente.


TRAMA 
Il libro parla di due will Grayson che hanno due vite differenti che un giorno s'incontrano in un sexy shop. Il primo Will ha una vita abbastanza tranquilla , i genitori sono medici e ha un amico chiamato Tiny che è gay e di certo non nasconde di esserlo. Tiny è un ragazzone e sta mettendo in scena un musical che parla della sua vita e ha una cotta per Jane, anzi , prima lei ha una cotta per lui poi le cose cambieranno; i tre devono andare a un concerto ma Will non può entrare perchè il suo documento falso è sbagliato e si rifugia in questo sexy shop.
Il secondo Will è gay , vive con la madre , un padre assente , lavora in un supermercato il fine settimana e prende degli antidepressivi. Si trova li, nel sexy shop , perchè un certo Isaac gli ha dato appuntamento proprio li. E' un ragazzo con il quale chatta da tempo e alla fine decidono d'incontrarsi.. la cosa però avrà un risvolto negativo e uno positivo.

AMBIENTAZIONI

La vicenda si svolge a Chicago in particolar mondo in una scuola , che fa molto telefilm teen drama.

PERSONAGGI 

I personaggi sono tanti e ben strutturati. I protagonisti principali sono due, i due Will appunto, uno è molto insicuro , molto chiuso , l'altro, invece prende la vita di petto , non ha quasi paura di nulla ma anche lui ha tante insicurezze.Intorno ai nostri personaggi girano due figure femminili che sono Jane , amica del primo Will, e Maura, pseudo amica del secondo Will. Le due ragazze sono completamente diverse , la prima è sicura dei sentimenti che prova ma ha paura di dimostrargli , la secondo è una sorta di Alex in "attrazione fatale" è ossessionata da Will e fa di tutto per farlo innamorare di lui o di capire del perchè del suo rifiuto. Questo ed un insano gesto porteranno alla rottura definitiva tra i due.
Un altro personaggio che mi è piaciuto molto è la mamma di Will 2° ; quando scopre l'omosessualità del figlio gli dice che gli vuole bene comunque.
Poi c'è il personaggio di Tiny, non ha paura di essere se stesso , non ha paura di affrontare il mondo ma questo solo in apparenza perchè anche lui ha tante fragilità. E' l'amico che tutti vorremmo avere.

CONSIDERAZIONI

Il libro mi è piaciuto moltissimo, sia la trama ma anche com'è scritto , scritto a 4 mani, che non è facile; le due parti si distinguono molto bene .
La prima parte c'è una narrazione molto delineata , rispetto della punteggiatura ecc..nella seconda parte invece c'è una narrazione discontinua e una punteggiatura che non viene rispettata; è come se fosse un racconto parlato , nel senso che è come se il personaggio descrivesse a voce le cose e le mettesse per iscritto . Di fianco ai dialoghi ci sono i nomi di chi sta parlando e ci sono degli spazi tra un paragrafo e l'altro. In entrambi le narrazioni ci sono dei detti gergali e delle ripetizioni.
E' un libro che da tanti insegnamenti:
-il primo è quello del valore dell'amicizia, simile all'amore che qua le viene data molta importanza, Will e Tiny si allontanano ma poi alla fine fanno pace. L'amore invece viene trattato molto superficialmente ma qui potrebbe essere scusabile data l'età dei protagonisti
-il secondo insegnamento che da è quello che bisogna accettarsi per quello che si è e darsi il proprio valore. Anche se io non sono d'accordo perché nella vita si può sempre e comunque migliorare poi certo se una persona si accetta così com'è va bene.
Una cosa che mi ha lasciato un po così è stata la storia di Will e Maura; lei fa una cosa abbastanza grave e Will decide di non parlarle più, le cose vengono chiarite solo alla fine ma questo non è volontà di Will ma di un suo amico che lo obbliga a fare questo; un libro dove il valore dell'amicizia viene messo in risalto e descritto come importante , il finale di questa vicenda doveva essere diverso.
Tutto sommato comunque è stato un bel libro 

VOTO

Il mio voto per questo libro è:





lunedì 9 marzo 2015



L'ULTIMO ELFO - SILVANA DE MARI 

Ciao a tutti ragazzi ecco la mia video recensione de "L'ultimo Elfo di Silvana de Mari









per il finale e per il personaggio del drago 

LIBRO IN LETTURA : LA VILLA DEGLI INGANNI

martedì 3 marzo 2015



INSURGENT -VERONICA ROTH

Ciao a tutti oggi sono qui per recensirvi il secondo libro INSURGENT, sequel di DIVERGENT. Vi dico subito che il libro l'ho abbandonato per dei motivi che andrò a spiegarvi più avanti diciamo che l'ho messo in stand-by , ovvero che credo che lo riprenderò più avanti. 


TRAMA 


Una scelta può cambiare il destino di una persona... o annientarlo del tutto. Ma qualsiasi essa sia, le conseguenze vanno affrontate. Mentre il mondo attorno a lei sta crollando, Tris cerca disperatamente di salvare tutti quelli che ama e se stessa, e di venire a patti con il dolore per la perdita dei suoi genitori e con l'orrore per quello che è stata costretta a fare. La sua iniziazione avrebbe dovuto concludersi con una cerimonia per celebrare il proprio ingresso nella fazione degli Intrepidi, ma invece di festeggiare la ragazza si è ritrovata coinvolta in un conflitto più grande di lei... Ora che la guerra tra le fazioni incombe e segreti inconfessabili riemergono dal passato, Tris deve decidere da che parte stare e abbracciare completamente il suo lato divergente, anche se questo potrebbe costarle più di quanto sia pronta a sacrificare.


AMBIENTAZIONI 

Continuano ad essere al interno a parte quando vanno dai Pacifici che stanno un po fuori, in questo frutteto e basta.

CONSIDERAZIONI 

-Partiamo dalla protagonista principale, Beatrice alias Tris. Per gran parte del romanzo traspare un alto livello di negatività, paranoie , seghe mentali, continua a piangersi addosso per la morte di un personaggio (non voglio fare spoiler) e non sa adesso cosa fare è in balia degli eventi, va dove gira il vento. Ed è proprio questo l'aspetto di lei che non mi è piaciuto. E' una ragazza cresciuta tra gli Abnegati, in un mondo di austerità,e decide di scegliere gli Intrepidi per essere più libera e va bene; neanche il tempo di varcare la soglia del quartier generale degli Intrepidi, e la nostra cara Tris si da alla pazza gioi: tatuaggi a destra a sinistra , dorme con il suo pseudo- fidanzato Tobias, insomma fa tutte le cose che le sono state negate ma queste cose non le fa perché si sente di farle ma perché le fanno tutte , sinceramente , l'ho trovato un comportamento alquanto infantile. Queste cose secondo me non sono ammesse in un volume dove il protagonista dovrebbe avere un'evoluzione, dovrebbe crescere invece la nostra cara Tris rimane impantanata negli stessi atteggiamenti del primo volume; io avrei immaginato questo invece no. 
-Alcune situazioni descritte sono veramente paradossali e alcune morti sono veramente inutili, non sono giustificabili, devono morire perchè devono morire e basta.
-Il personaggio di Tobias ritrova suo padre e non c'è un confronto diretto tra i due, si prendono a botte e stop. Secondo me ci doveva essere , o avrei immaginato un confronto tra i due , o almeno indifferenza. 
-La liaison tra i due continua e c'è una parte , una grossa parte del libro dove loro litigano, dormono insieme, lei poi gli tocca continuamente la schiena .. va be... sta di fatto che questa grossa fetta melensa poteva essere risparmiata o ridotta a due o tre capitoli e dedicarsi magari ad altre parti , per esempio la parte finale che viene trascurata che rende la narrazione lenta e noiosa
-il personaggio di Caleb , sparisce per gran parte del romanzo e ricompare solo sulla fine che ho interrotto.
-E' davvero un vero peccato perchè la saga era partita bene, mi piaceva l'idea delle Fazioni del distopico ma col secondo volume la trama cala parecchio ed è una cosa che ho riscontrato in parecchie trilogie soprattutto distopiche ; partono bene ma poi alla fine calano. Un secondo volume che avrebbe dovuto far crescere il personaggio di Tris , farla maturare e non concentrarsi solo su delle parti patetiche , descrizioni di loro che dormo soffermandosi sul respiro di lui e su quanti muscoli tesi abbia la sua schiena per poi arrivare alla fine con l'espluà finale, dopo che hai annoiata il lettore che circa 200 pagine. 
-La parte più becera di tutte e quando i due si trovano in una situazione disperata lei , infatti, si è sacrificata per il bene supremo ma .. arriva anche Tobias e le dice una frase para para a quella che disse Rose a Jack nel film Titanic.. "salti tu salto io " .. invece qui il bardo eroe dice "se muori tu muoio anche io"... 

Queste sono le motivazioni che mi hanno spinto ad abbandonare il libro e a metterlo in stanby . Non so se riprenderò la lettura e se leggerò anche il terzo 

VOTO 

QUESTO E' UN VOTO PROVVISORIO 

LIBRO IN LETTURA : L'ULTIMO ELFO DI SILVANA DE MARI